quei giorni del “Vadi lei…”

Hai presente quando la sveglia suona alle 5:05, ancor prima di alzarti appena sposti il piumone senti freddo, arranchi in bagno ancora dormiente, ti rendi conto che sta piovigginando, fuori è completamente buio, ma ti convinci di uscire per correre? e ti ricordi che oggi ci sono le ripetute in salita?

Ecco quello è uno di cui giorni in cui la domanda: “vado o non vado?” accompagnata da pensieri di auto-convincimento “sento un dolorino…”, “domenica ho fatto un lunghissimo posso riposare…” ti porta a rispondere fantozzianamente “VADI LEI…”

…a alla fine non sai neanche tu come, sei in strada, vestito, il Garmin ha preso il segnale del GPS e cominci a correre, dopo 12 metri la pioggerellina diventa pioggia intensa, fai finta di niente tanto bagnato sei già bagnato, pioggia quest’autunno ne abbiamo già presa vedi Run Tune UP e Trail Del Nevegal sveglio sei già, no va bhe proprio sveglio non sei, ma tanto non cambia molto rispetto al giorno e allora pazienza si va.

Ecco questo è uno di quei giorni in cui quando torni a casa, fradicio e infreddolito, la soddisfazione è enorme, anche se la qualità dell’allenamento poteva essere migliore, ma hai vinto contro Dart Pigrizia.

PS: in foto brutto esemplare addobbato da inverno di “ma il piumone fa schifo?”

Traccia GPX

Scarica il file GPX: download

App usata: Strava

Distanza totale: 11028 m
Altitudine massima: 136 m
Altitudine minima: 60 m
Totale salita: 323 m
Totale discesa: -321 m
Velocità media: 12.97 km/h
Tempo totale: 00:53:52