Verona Gensan Half-Marathon

Non c’è di meglio che una mezza per l’avvicinamento al #roadto50kmSiena. Fatta con gli amici poi quasi perfetta.
5 giorni di sole, Sabato nuvolo, Domenica piove. #buongiorno.
Fortunatamente piove a Bologna, ma a Verona dovrebbe essere una brutta giornata ma non piovosa, e allora via che si parte.
5 ore di nanna, sveglia alle 6 e alle 6:30 ritrovo con Acqua alias il Buddy e Valerio alias Meravilla.

Gli obiettivi dichiarati di giornata sono: “sotto 1:28”, “sotto 1:40 senza forzare, mi metto ai 4:45 e vediamo”, “ho un ginocchio fastidioso vediamo”

Tra una chiacchiera e l’altra siamo dentro il palazzetto (bagni al piano superiore tanta roba, c’è anche la carta…), siamo i primi capponi ad arrivare, ci accaparriamo un po’ di file delle tribune e pian piano arrivano tutti gli altri, siamo talmente i soliti quattro gatti che ci premiano come gruppo più numeroso… Ode al saggio Biccio che ci tiene a bada e consegna a tutti pettorali e pacchi gara.
Ultimi preparativi, consegna sacca, un minimo di riscaldamento e poi tutti in griglia.
Solito brividino al 3, 2, 1 SPARO e via.
Se avevate qualche dubbio io ero quello che voleva mettersi ai 4:45 e poi vedere. Buddy e Meravilla non li vedo più dopo soli 400metri.
Ero in seconda griglia, subito dopo i TOP runners e quelli forti (chissà perchè poi), quindi al primo chilometro (4:52) mi passano un po’ tutti, anche i pacers 1:30 e quelli 1:35.
E’ lì che il mio agonismo mi chiude la vena.
“Sai cosa, mi attacco ai pacers e quando sto per scoppiare rallento, sicuro sto sotto 1:40 e magari avviciniamo il PB fatto a dicembre a Castelmaggiore” E sì, se ve lo state chiedendo ero io che parlavo a me stesso, in corsa ci facciamo delle gran chiacchiere NOI.
Il passo è costante, nonostante qualche piccola salitella, i pacers ci mantengono compatti e si viaggia a 4:28 circa.
L’anno scorso proprio a Verona avevo imparato sulla mia pelle ad alimentarmi meglio in gara quindi salto il ristoro dei 5km. Ci sono 6/7 gradi e qualche accenno di pioviggine, le spugne per rinfrescarsi direi proprio superflue.
Mentre sono concentrato sul mio passo mi avvicina Valerio, anzi l’ho raggiunto io, il ginocchio non fa il simpatico… Provo a spronarlo ma quando c’è il male è meglio usare la testa. Lo saluto con un grosso in bocca al lupo. Dai Vale che ci rivediamo presto ora riposo!!
Ristoro dei 10km, thè caldo e gel senza perdere 1 secondo di corsa, è più il thè sulla maglietta che quello che bevo ma amen 😉
Sto sempre nel gruppo cercando di proteggermi da quel poco di vento che c’è e senza accorgermene al 12km stacco il cervello e perdo 20-30 metri.
Bivio mentale della gara: recupero o mi metto del mio passo e magari ci scappa anche il PB? Ovviamente la prima, stringo i denti e a testa bassa senza forzare rientro sui palloncini in 3-4km. Una delle pacer l’ho affiancata al 2km e le ho promesso che rimanevo il più possibile con lei, la affianco, mi sorride e mi incita, vede le mie difficoltà a tenere il passo nonostante al ristoro dei 15km secondo thè e secondo gel, normalmente ne prendo solo uno, ma oggi fa freddino ed erano due gel piccolini.
Ormai ho deciso, si dà tutto. Arrivo al 19esimo km ancora in gruppo ma comincio a faticare 2 pacers provano a staccarsi leggermente per non lasciarmi solo, al 20 ci sono arrivato ma non riesco più a spingere e il finale è in leggerissima ma faticosissima salita. Perdo 5-20-35 metri, pazienza, 1:35 ci vediamo la prossima volta intanto vado a prendermi un nuovo gran bel PB.
Non penso più a niente, solo ad andare avanti quando arriva un: “Eccoti Poz!!”
Prima pensiero: chi ca..o è?
Secondo pensiero: che ca..o vuole?
Non serve neanche che mi giri, è Carlo alias il cugino Bellun-Milanese che sta venendo su di gran carriera. Mi scappa anche un sorriso. Reazione di orgoglio, solo di testa, accelero quel minimo per stargli in scia e per farmi fare una serie di belle foto dalla sempre presente Jessica con l’Arena di sfondo e chiudere 2 minuti sotto il PB.

Doveva essere una semplice tappa di avvicinamento ai 50km di domenica e invece è stata una gran cavalcata inattesa.
Grazie mille pacers che non leggerete mai queste righe, ma grazie comunque.
Complimenti all’organizzazione, sempre gran bella gara, mannaggia ai san pietrini.

Traccia GPX

Scarica il file GPX: download

StravaGPX

Distanza totale: 21475 m
Altitudine massima: 72 m
Altitudine minima: 53 m
Totale salita: 262 m
Totale discesa: -254 m
Velocità media: 13.60 km/h
Tempo totale: 01:35:30