Siam poi tutti runner, polemiche anche basta. E salutiamoci

Oggi solito allenamento all’alba, ho incrociato un amico e mi è venuta una riflessione/storiella che vi scrivo sotto, tra il serio e il faceto.

Qualche breve precisazione per poter far capire a tutti qualche passaggio.

Il tutto si svolge a Bologna.

Con vari amici il Martedì e il Venerdì ci si ritrova per correre insieme alle 6:00, più o meno all’alba a seconda del periodo dell’anno.
Causa logistica l’appuntamento si è sdoppiato, uno nella prima periferia, (davanti alla Ducati) e uno in centro (sotto la statua del buon Vittorio Emanuele).
Giusto per dare qualche numero, Venerdì scorso c’erano quasi una cinuantina di runner, appartenenti a varie società podistiche, semplicemente amici-conoscenti che si ritrovano per correre insieme.

 

 

Ovviamente tra le due albe c’è un po’ di rivalità, un po’ per orgoglio e un po’ per gioco partono vari social-sfottò sul gruppo più numeroso, il giro più bello ecc. Il tutto con il solo scopo di continuare a condividere una passione, e riderci sopra.

Ultima precisazione: i social se usati inmaniera inappropriota riescono veramente a tirar fuori il peggio del peggio. Ultimamente, specialmente a Bologna, le polemiche sono innumerevoli e i toni sempre peggio:

-se non corri una maratona sotto le 4 ore non hai senso di esistere.

-prendete tutti anche cani e porci solo per avere il potere.

-il podismo ha rovinato l’atletica.

-non vinciamo una medaglia alle olimpiadi da secoli per colpa di chi non stà alle regole

mi fermo qui ma potrei andare avanti per ore. Anche su podisti.net se ne sono accorti, non con 1 articolo ma con 2

Ok, dovrei avervi detto e quindi via con la storia:

 

 

Era l’anno domini 2018, in un anomalo caldo novembrino quando scoppiò la pace.

Era il 14 Novembre, un mercoledì come tanti, senza albe organizzate come tanti, ma da allora tutti lo ricordano come il giorno dell’INCROCIO DELLE ALBE.

Sulla pedonale lungo il canale del Reno, già teatro di numerosi tavoli di negoziazione durante i mercoledì sera di “Quelli del Mercoledì”, ai posteri conosciuto anche come il segmento strava “1Km Elisa” il fatto si compì

Il Zucchelli, facente parte dell’ Alba Podistica procedendo in direzione Casalecchio incrociò il Pozzana, appartenente all’ ALBA IN THE CITY.

Non sapevano dei rispettivi allenamenti, non sapevano che stavano per fare la storia.
Nonostante la scarsa visibilità e le elevatissime velocità di entrambi, i nostri eroi si riconobbero, si salutarono, si incitarono, riconoscendosi in quello sofrzo e sbattimento mirato alla memorabile edizione della maratona di reggio Emilia del 2018 e anche se non vinsero il primo premio, arrivarono comunque vincitori e maratonati senza distinzioni tra chi corse in 2:19 chi in 3:40 chi in 4:50 e chi in 6:00, tanto Cani e Porci tutti erano. Tanto runners tutti erano.

Da quel lontano 2018, tutti gli anni, si festeggia il giorno dell’incrocio, giorno in cui chi corre si saluta, primatista mondiale o tapascione che sia.
Giorno in cui TUTTI fanno un passo verso gli altri, e incredibilmente tutti si divertono e riescono ad allenarsi con un sorriso.
Giorno in cui una DJten vale come la 5fossi di Minerbio.
Giorno in cui non importa quanto e quanto forte corri, l’importante è che ti diverti e ti gratifichi, che sia per un premio, per un sorriso o per un abbraccio.

Per gli amanti degli almanacchi quel giorno la sfida di albe finì 1-1 e tutti felici.

Fu il giorno della pace.

(che terminò il venerdì 16 Novembre quando l’alba della city nonostante vari infortuni, tornò a bastonare quei maledetti campagnoli…) 😉

 

 

 

 

 

Non poteva che essere una cavolata, ma vorrebbe essere anche un messaggio di speranza, per essere tutti più sereni.
Nella corsa come nella vita.

Buone corse a tutti.

Traccia GPX

Scarica il file GPX: download

App usata: Strava

Distanza totale: 13998 m
Altitudine massima: 77 m
Altitudine minima: 48 m
Totale salita: 129 m
Totale discesa: -130 m
Velocità media: 12.28 km/h
Tempo totale: 01:09:50